sabato 20 ottobre 2007

Sorteggio di Copa del Rey.


Sarà l'Hercules di Alicante, squadra che milita in Segunda Division, la rivale dell'Athletic nel doppio confronto degli ottavi di Coppa del Re, competizione storicamente legata al club biancorosso che se l'è aggiudicata per ben 24 volte nella sua storia ultracentenaria (record assoluto condiviso con il Barcellona). Il sorteggio ha sicuramente detto bene agli uomini di Caparros, che rischiavano di trovarsi contro Maiorca, Racing Santander ed Espanyol ed hanno invece pescato una formazione che naviga a metà classifica in una serie inferiore. L'incrocio con l'Hercules non rappresenta un granché dal lato puramente sportivo, tuttavia metterà di fronte alla loro squadra del cuore due grandi ex dell'Athletic: Andoni Goikoetxea, attuale mister degli alicantini ed indimenticato centrale degli anni '80, e Javi Gonzalez, lasciato andare dalla società nel giugno scorso. Insieme a loro militano in biancoblu anche due altri ex zurigorri, Sendoa Agirre e il terzo portiere della scorsa stagione, Unai Alba. Insomma, sembra quasi una riunione di famiglia. Una rimpatriata comunque da non sottovalutare, perchè l'Hercules ha buoni giocatori in rosa (il bomber panamense Blas Perez, l'ex madridista Tote, Toni Prats, l'ex centrale del Deportivo Cesar e una trittico di giocatori passati con alterne fortune dal Valencia: Farinos, Ruben Navarro e De los Santos) e avrà sicuramente uno stimolo in più nel dover incontrare una squadra blasonata come l'Athletic. I precedenti sono solo quattro e risalgono a diversi decenni fa; il bilancio è di due vittorie basche, un pareggio e una vittoria alicantina. Volevo chiudere riportando le parole di Javi Gonzalez, per sempre biancorosso nel cuore, subito contattato dal Mundo Deportivo alla notizia del sorteggio: "Me ha hecho una gran ilusión. He estado toda la semana dando la brasa en el vestuario de que nos iba a tocar el Athletic. Estoy superfeliz, es una noticia tremenda, como un regalo de Dios". Alla domanda: e se dovessi segnare?, l'ex numero 11 risponde così: "Es imposible que lo celebre por todo lo que me ha dado el Athletic". Non mi stancherò mai di ripeterlo: sei un grande, Javi!

Riguardo alla partita di domenica contro il Valladolid, buone notizie in casa Athletic: Aitor Ocio ha recuperato dal suo leggereo infortunio e dovrebbe partire nell'undici titolare. Caparros ha provato Iraola centrocampista destro per tutta la settimana, compresa l'amichevole contro il Milan di venerdì scorso, e se il tecnico di Utrera deciderà di schierare Andoni in posizione avanzata anche domenica è probabile l'esordio stagionale di Zubiaurre, altrimenti l'alternativa, più che Exposito, sarà Ustaritz nell'inedito ruolo di laterale. David Lopez dovrebbe accomodarsi ancora una volta in panchina, con possibilità di entrare nella ripresa e agire da trequartista centrale come contro i rossoneri, mentre Susaeta giostrerà a sinistra ed Etxeberria farà coppia con Aduriz in attacco. Koikili sostituirà lo squalificato Del Horno sulla fascia mancina.
Ecco quale dovrebbe essere la formazione che scenderà in campo allo stadio "José Zorrilla":

Iraizoz

Zubiaurre A. Ocio Amorebieta Koikili

Iraola J. Martinez Orbaiz Susaeta

Etxeberria Aduriz

Nel Valladolid di Mendilibar, ex tecnico dell'Athletic che per me fu cacciato troppo presto, mancherà sicuramente Joseba Llorente, centravanti seguito in estate dai dirigenti biancorossi, ovviamente senza successo.

3 commenti:

  1. utente anonimo20 ottobre 2007 15:36

    Fernando Llorente infortunato, fuori rosa o in panchina?

    Mi potresti dire qualcosa di Koikili, da dove viene, la carriera etc.? E' un giocatore che non conosco per niente.
    Mi potresti dire qualcosa di più sulla squalifica scontata da Zubiaurre l'anno scorso? Non ne conosco i motivi, ancora non seguivo da vicino l'Athletic.
    Grazie e alla prossima
    Alex

    RispondiElimina
  2. Ciao Alex, scusa se non ti ho risposto prima ma sono stato fuori questo fine settimana.
    Koikili Lertxundi Del Campo, questo il nome completo, è un ragazzo di 27 anni che sta vivendo un sogno ad occhi aperti. Inizia a giocare con l'Aurrera Vitoria, passando poi per Osasuna B, Gernika, Beasain e Sestao River, tutte squadre che militano tra la Segunda B e la Tercera Division (le nostre C1 e C2). Nel Sestao, storica compagine biscaglina, prima ottiene la promozione dalla 3 alla 2B, quindi si conferma tra i migliori siglando 10 reti nella passata stagione. L'Athletic lo nota e lo tessera per la formazione B, tuttavia Caparros, dopo averlo provato con la prima squadra, rimane favorevolmente impressionato dal terzino di Otxandia e lo fa inserire nella rosa della Liga (ancora non era stato preso Del Horno). Esordisce in biancorosso nel derby con l'Osasuna, poi, complici un rosso rimediato al Nou Camp e l'acquisto di Asier, si accomoda in panchina. E' tornato a giocare con l'Almeria dopo l'espulsione di Del Horno e oggi è stato titolare a Valladolid. Insomma, dalla C2 alla serie A in appena due anni: se non è un sogno questo...

    Caso Zubiaurre: la vicenda è piuttosto complessa ed inizia circa due anni fa, quando l'Athletic si accordò con il giocatore, in scadenza di contratto, per il passaggio dalla Real Sociedad al club basco, ovviamente a costo zero. Nel contratto di Zubiaurre con i txuri-urdin c'era però una clausola che, se esercitata, avrebbe prolungato il contratto del giocatore con la società di un anno ancora. L'ex presidente Lamikiz si mise d'accordo col collega donostiarro che gli promise di non fare leva su questa benedetta clausola, però...proprio durante l'estate in casa Real ci fu un campio di presidente e quello nuovo decise di non rispettare l'accordo verbale preso dal suo predecessore. L'Athletic decise di presentare lo stesso Zubiaurre come suo giocatore (questo nel luglio 2005), la Real fece ricorso e la vicenda approdò in tribunale (i realisti chiesero di farsi pagari la clausola di rescissione di Iban da 30 milioni di euro). Dopo 16 mesi di contenzioso, nei quali Zubiaurre si è allenato con un club di Segunda B, la Cultural Leonesa (non era squalificato, dunque, ma non poteva giocare perchè il suo cartellino era a metà tra le due società), il tribunale ha comminato una multa di 5 milioni all'Athletic per l'acquisto del giocatore. Zubiaurre è ufficialmente un biancorosso dallo scorso novembre.

    RispondiElimina
  3. utente anonimo22 ottobre 2007 14:48

    Non vedo l'ora di leggere il tuo riassunto della vittoria in trasferta dei rojiblancos :-D

    Purtroppo, però, manca ancora la grande vittoria nella Catedral :-(

    Aupa Athletic!

    Daniele aka Frankie688

    RispondiElimina