giovedì 14 agosto 2008

Toquero all'Eibar.

E' di oggi la notizia che Gaizka Toquero, prelevato dal Sestao a inizio estate, non ha convinto Caparros e pertanto finirà all'Eibar, come prevedeva un pre-accordo tra Athletic e club armero. Vengono così rispettati i pronostici degli scettici riguardo a Toquero, malvisto da molti tifosi a causa della provenienza da una squadra di Segunda B e anche per delle statistiche non proprio da grande attaccante; io non ero così prevenuto, forte della mia convinzione che nei campionati di livello inferiore giochino spesso buonissimi giocatori sfuggiti, per un motivo o per un altro, agli occhi degli osservatori (per rimanere a Bilbao, basti pensare a Koikili), ma è evidente che il ragazzo non ha convinto Caparros. Giocare ha giocato, in questo precampionato, tuttavia non ha mai lasciato il segno: impiegato in media 48' a partita, non ha realizzato gol né ha mostrato quei numeri che diversi esperti di calcio "minore" gli accreditavano. Il prestito all'Eibar non può che fargli bene, avrà meno pressioni addosso e potrà proseguire la sua scalata al grande calcio avanzando di uno scalino per volta, senza quei balzi improvvisi che spesso provocano repentini capitomboli. Se farà bene, il prossimo anno (o addirittura a gennaio, ma mi pare strano) potrà riaggregarsi alla rosa della prima squadra. In bocca al lupo, Gaizka!

Ieri, intanto, l'Athletic ha perso la terza partita (peraltro consecutiva) del suo precampionato, stavolta di fronte proprio alla futura squadra di Toquero, l'Eibar. Caparros nel primo tempo ha schierato la formazione titolare, eccezion fatta per la coppia difensiva Etxeita-Ariño, quindi la girandola di cambi a fine primo tempo e il doppio vantaggio che ha premiato la formazione guidata da Carlos Pouso, ex tecnico del Sestao River (e di Toquero, sempre lui). Le cronache parlano di buon Athletic per la prima mezz'ora, poi i Leoni sono calati e hanno finito per giocare molto male nella ripresa. Continuo a sostenere che sono state fatte troppe amichevoli, e vorrei inoltre far notare che, dall'adozione della pubblicità, la squadra ha avuto una flessione notevole. Che la Petronor porti male? Sinceramente, sarei disposto anche a perdere un bel po' di partite se poi decidessero di togliere la scritta maledetta!

Athletic Club: Iraizoz; Iraola (46' Murillo), Etxeita (46' Muñoz), Ariño, Casas (46' Koikili); Susaeta (46' David López), Javi Martínez, Gurpegui (46' Iturraspe), Yeste (46' Gabilondo); Etxeberria (46' Del Olmo), Llorente (46' Aduriz).
SD Eibar: Zigor; Alvaro, Urzelai (46' Añibarro), Medina (46' Etxaniz), Raúl (46' Peña); Larrazabal (46' Txiki,); Codina (46' Sutil), Lombraña (46' Rubén), Insa (46' Markel), Casés (46' Germán); Yagüe (46' Carmelo).
Reti: 66' Germán, 70' Peña.
Arbitro: Gorostegi Fernández Ortega.

4 commenti:

  1. Iraola (e anche Amorebieta) in nazionale, era ora!

    Valentino

    RispondiElimina
  2. Beh Vale, lo sai che a me della Sleccion importa poco, però non posso che essere felice per la convocazione di Iraola, arrivata in ritardo di almeno 4-5 anni.
    La chiamata di Amroebieta non mi sorprende, era nell'aria già da prima degli Europei, semmai sono un po' stupito che Llorente non sia stato convocato, avevo letto che Del Bosque lo stava seguendo da un po'.

    RispondiElimina
  3. utente anonimo17 agosto 2008 18:45

    ma cosa spinge giocatori come Casas, nemmeno registrati per la liga l'anno scorso, a restare nell'athletic?? Cioè, capisco l'attaccamento alla maglia, ma un calciatore ha anche la sua carriera a cui pensare...e invece ho visto che fa il ritiro con l'athletic anche quest'anno. come si spiega?

    Alex

    RispondiElimina
  4. si spiega molto semplicemente, Alex: visto che l'Athletic non è riuscito a comprare un terzino decente del trittico a cui potevamo arrivare (Garrido, Monreal e soprattutto Castillo), ringraziando Macua e i fantomatici soldi Petronor, è stato deciso di tenere Casas o rischiavamo di avere il solo Koikili in rosa, a meno di non promuovere Agueros da subito. Casas resta perché serve. Una tragedia, visto che è senza dubbio il giocatore più scarso visto al San Mamés nel nuovo millennio (e il brutto è che Caparros, non so come, lo ha messo spesso titolare nel precampionato...).

    RispondiElimina