lunedì 2 giugno 2008

Brevi di mercato.


Yuri Berchiche con la maglia del Tottenham (foto As).

Nella scorsa estate l'Athletic perse due pezzi da novanta della sua cantera, Mikel San José e Yuri Berchiche, convinti dalle sterline di Liverpool e Tottenham a lasciare la Bizkaia per tentare l'avventura in Inghilterra. Adesso sembra che almeno uno dei due ci abbia ripensato e voglia tornare a Bilbao. Si tratta del gipuzkoano Berchiche, 18enne fluidificante mancino di cui si dice un gran bene, attanagliato dalla nostalgia e desideroso di rientrare nella famiglia zurigorri anche per la presenza di un tecnico che non ha problemi nel lanciare i giovani qual è Caparros. Vista l'assenza di un terzino sinistro valido oltre a Koikili, e stanti le difficoltà nel comprare Garrido e Monreal (il secondo, più appetibile, costa davvero troppo), il giovane Yuri ha intravisto l'opportunità di potersi giocare da subito l'ingresso in prima squadra, lui che già sembrava in predicato di poter battere il record d'esordio di Etxeberria quando giocava nella Juvenil. L'operazione-rientro è partita, Macua l'ha confermata e sembra ormai solo questione di tempo. Berchiche è un laterale di spinta puro, che dà il meglio di sè quando deve proporsi, bravo negli inserimenti e molto dotato nel tiro: non proprio l'ideale di Jokin, dunque. Il tecnico di Utrera, tuttavia, ha le caratteristiche giuste per insegnare al ragazzo a difendere e per limarne quegli eccessi caratteriali che ne hanno segnato gli esordi sul terreno di gioco. Sarebbe un acquisto molto interessante, speriamo che vada rapidamente in porto.

Joseba Del Olmo sembra vicinissimo all'Athletic. L'ala sinistra dell'Eibar, 6 gol finora in Segunda, ha già un accordo con la società e aspetta solo la fine del campionato (mancano appena due giornate alla conclusione della Liga BBVA) per annunciare il suo addio alla squadra rossoblù. Athletic ed Eibar, da parte loro, sono giunte da tempo a definire le cifre dell'acquisto del 26enne di Santutxu: il club biancorosso pagherà la clausola di rescissione, fissata in 300.000 euro, e Del Olmo sarà un Leone. Confesso di essere molto curioso per l'arrivo del biscaglino, descritto da più parti come un giocatore molto interessante dal punto di vista tecnico; sicuramente è un acquisto da fare, perchè a sinistra non siamo molto coperti (Gabilondo ha limiti noti, David Lopez ha fatto ridere quest'anno) e anche perchè verrà a costare pochissimo. Del Olmo, poi, oltre ad essere più che felice di giocare nella squadra dei suoi sogni, andrà a ricomporre con Koikili il tandem che tanto bene fece nel Sestao due stagioni fa. Un buon viatico, dunque, sperando che Josebita (così lo chiamano i tifosi dell'Eibar) sappia farsi valere anche in Primera dopo la cavalcata che l'ha portato dalla Tercera alla Segunda nel giro di tre anni.

Ultima notizia: Armando ha prolungato di un anno il suo contratto con l'Athletic, che include inoltre l'inserimento del portiere nello staff tecnico della società dopo il ritiro, che avverrà presumibilmente al termine della prossima stagione. L'estremo difensore di Sopelana ha avuto qualche titubanza ad accettare perchè quello che si prospetta per lui è un ruolo da dodicesimo, mentre diverse società si erano fatte vive col suo procuratore offrendogli un ingaggio da titolare. Armando, però, ha deciso di restare nel club per cui tifa e che gli ha dato l'ultima grande chance della carriera a 37 anni suonati: "Qui mi sono sentito rispettato - ha detto il portierone in conferenza stampa - il calore della gente mi ha aiutato ad integrarmi e tutto è stato molto facile. Per me è una responsabilità maggiore e una grande sfida". Anche questo è Athletic!

3 commenti:

  1. utente anonimo2 giugno 2008 17:22

    Avanti così! Contento x il rinnovo di Armando, se l'è meritato, e curioso pure io x Del Olmo. Cmq Edo ora vedrai che Berchiche verrà fatto giocare a centrocampo da Jokin...ahahah :) aupa athletic! Piero

    RispondiElimina
  2. utente anonimo2 giugno 2008 22:01

    Il più grande acquisto è il Llorente visto nella seconda metà del campionato. Se riuscirà a mantenere queste prestazioni nell'arco dell'intera stagione, forse anche l'intero attacco ne gioverà. Senza contare che quest'anno ci sarà Yeste fin dall'inizio.

    Il vero problema dell'Athletic resta l'attacco. Non ci scordiamo che abbiamo chiuso il campionato sul podio delle migliori difese!

    Daniele aka Frankie688

    RispondiElimina
  3. Più che l'attacco, il problema resta la mentalità della squadra quando deve offendere. Nella seconda parte della stagione, però, devo dire che qualcosa di più si è visto ed è lì che bisogna lavorare. Attaccanti baschi validi ce ne sono pochi, bisogna insistere su chi abbiamo (anche i canterani, ovviamente, primo tra tutti Isma Lopez).

    RispondiElimina