giovedì 26 maggio 2011

Presentato Ander Herrera.


Ander Herrera con la sua nuova maglia (foto Athletic-club.net).

Il campionato si è chiuso solo pochi giorni fa, ma l’Athletic ha già presentato, nella serata di ieri, quello che senza dubbio sarà il fiore all’occhiello della campagna acquisti 2011: Ander Herrera. Come da accordo con il Saragozza (cui sono stati versati 8,5 milioni che potrebbero diventare più di 10 a seconda delle prestazioni del giocatore, non proprio bruscolini), una volta che il club aragonese ha concluso la sua Liga, ottenendo peraltro la salvezza all’ultimo turno, il 22enne centrocampista si è immediatamente trasferito a Bilbao, dov’è nato ma dove non ha mai giocato; il padre, infatti, chiuse la sua carriera da giocatore a Saragozza diventando poi dirigente della società, e fu lì che suo figlio mosse i primi passi nel mondo del calcio. Parlando dell’acquisto in sé, chi frequenta questo blog sa già che a suo tempo l’operazione non mi ha trovato assolutamente d’accordo, vuoi per il costo, vuoi soprattutto perché l’Athletic è un club di cantera, e va da sé che acquistare altrove un calciatore toglie spazi importanti a chi si è formato nelle giovanili (in questo caso a Iturraspe e forse anche a Ruiz de Galarreta, classe ’93 di cui si dice un gran bene). Ora che l’affare è stato fatto da tempo e che Herrera è stato presentato, però, è inutile intavolare ragionamenti più o meno interessanti sulla filosofia dell’Athletic; credo sia più proficuo soffermarsi sulle caratteristiche tecniche di Ander e capire coma potrà inserirsi nel gioco biancorosso e cosa potrà dare in termini di valore aggiunto. Innanzi tutto, sgombriamo il campo da eventuali dubbi sulla bravura del giocatore: Herrera è un progetto di campione, pochi scherzi, e starà al prossimo allenatore dei Leoni farlo sbocciare in maniera definitiva. Dal punto di vista tattico, l’ex numero 8 del Saragozza è elemento versatile e capace di ricoprire più ruoli: esterno destro (di quelli portati ad accentrarsi più che a cercare il fondo), mezzala, trequartista centrale (il suo ruolo naturale) e, da quest’anno, anche regista in un classico doble pivote con un mastino a scortarlo. Non sapendo quale sarà il destino di Caparros è difficile dire come verrà impiegato Ander, tuttavia a Bilbao non si gioca con un “10” dietro le punte dai tempi dello Yeste di Valverde, per cui si può tranquillamente ipotizzare che il ragazzo verrà impiegato prevalentemente come centrocampista puro. L’ipotetica coppia che andrebbe a formare in tal caso con Javi Martinez, inutile dirlo, è intrigante come poche, in potenza una delle migliori della Liga e senza dubbio la più forte dai tempi di Gurpegi-Orbaiz pre-squalifica di Carlos e pre-infortunio al ginocchio di Pablo. Più volte ho sottolineato come Javi Martinez sia un calciatore con caratteristiche uniche nel panorama spagnolo, che però non comprendono la capacità di organizzare la manovra come un regista; il navarro ha una buona tecnica e sa come velocizzare l’azione giocando a uno-due tocchi, però non ha nelle corde i lanci di 30 metri, non sa vedere i buchi nelle difese avversarie e fatica a trovare i passaggi necessari a scardinare squadre bloccate. Herrera, al contrario, possiede un controllo di palla e una visione di gioco straordinari, oltre alla naturale predisposizione alla triangolazione con i compagni e alla ricerca del dialogo rasoterra: proprio il centrocampista che manca all’Athletic, dunque. Ciò che gli manca fisicamente e a livello di attitudine difensiva potrebbe facilmente essere compensato dall’esplosività e dalla facilità di corsa di Javi Martinez, e a questo punto vi lascio immaginare cosa potrebbe combinare un duo del genere. Se poi Caparros (o chi siederà al suo posto) decidesse di optare per uno schema con Gurpegi e JM nel mezzo e Ander nella sua posizione preferita, qualche metro più avanti, il discorso potrebbe farsi se possibile ancor più interessante; con Jokin penso che una strada del genere sia pura fantascienza, eventualmente vedremo cosa deciderà un altro allenatore nel caso in cui l’utrerano non dovesse essere confermato. Insomma, pur non approvando per una questione di filosofia l’acquisto di Herrera, credo che dal punto di vista squisitamente tecnico-tattico Ibaigane abbia messo a segno un colpaccio clamoroso, specie considerando che, allo stato attuale delle cose, sembra che le uniche due squadre in grado di comprare giocatori sopra la media siano Barcellona e Madrid. Che un prospetto di valore assoluto come Ander abbia scelto Bilbao rappresenta un fatto più unico che raro, dovuto con tutta probabilità a tre fattori: la pressione del padre, tifoso biancorosso e il cui sogno da calciatore, ahilui irrealizzato, era quello di giocare con la maglia zurigorri; l’opera di convincimento di alcuni compagni di under 21 (Javi Martinez, San José, Muniain), che senza dubbio gli avranno parlato delle rinnovate ambizioni della società; la semplice constatazione che in un club di primissima fascia imporsi non è facile per uno della sua età (vedasi quanto successo a Canales a Madrid), mentre giocare nell’Athletic significa potersi assumere delle responsabilità in un ambiente che comunque non richiede la vittoria di un trofeo come unico metro di paragone per valutare una stagione (e quindi mette meno pressione). Francamente non penso che Herrera abbia scelto i Leoni per diventarne una bandiera, ma che abbia ritenuto di potersi ritagliare un ruolo di primo piano in una squadra che comunque è in Europa (e tra le prime sei nella Liga) per poi spiccare il volo, anche perché l’attuale selezionatore della nazionale, Del Bosque, ha mostrato di non avere i pregiudizi del suo predecessore in materia di calciatori dell’Athletic. Vedremo, intanto ongi etorri, Ander!

Situazione mister: Urrutia, che sarà probabilmente l’unica alternativa seria a Macua, secondo Marca sta scandagliando il mercato internazionale per individuare l’allenatore col cui nome si presenterà alle prossime elezioni. In mezzo alle classiche sparate nel puro stile del quotidiano iberico (tra le altre, Villas Boas – fra un po’ verrà fuori che lo vuole pure il Pizzighettone -, Rijkaard e addirittura Van Gaal!), c’è un tecnico che vedrei benissimo nel Botxo e che avevo citato in un commento di qualche tempo fa: Didier Deshamps. Basco francese, l’ex capitano della Juventus manifestò a fine carriera l’intenzione di chiudere col calcio disputando un’ultima stagione da professionista proprio con l’Athletic, ma la trattativa col Chelsea saltò e lui si accasò al Valencia. A fine stagione Deshamps abbandonerà al 99% la panchina del Marsiglia e sarà disponibile, io sinceramente lo vedrei benissimo, per carattere e idea di calcio, sulla nostra panchina. E voi?

19 commenti:

  1. utente anonimo25 maggio 2011 21:27

    su didier ho già espresso i miei pareri positivi sul nostro forum. ma aspettiamo. però credo che il mister dev'essere annunciato al più presto per organizzare il lavoro estivo. che presumibilmente inizierà ai primi di luglio visto l'inizio della liga il 21 agosto

    RispondiElimina
  2. utente anonimo27 maggio 2011 20:20

    Concordo su tutto, in particolare sull'apprezzamento per Deschamps.
    Con un tecnico esperto come lui rischiamo di fare una grande stagione, inoltre abbiamo tutti i giocatori chiave sotto i 27 anni (tolti Gorka e il Koi) quindi anche il futuro promette bene, cessioni eccellenti escluse.....

    Reza

    RispondiElimina
  3. Anonimo: prima del 7 luglio non inizerà di certo, visto che le elezioni si terranno in quella data (molto tardi, probabilmente troppo).

    Reza: dici benissimo, vediamo un po' cosa succede. L'età media è decisamente dalla nostra, e non solo quella.

    RispondiElimina
  4. utente anonimo1 giugno 2011 22:50

    Sono John Blasa, ciao a tutti, quest'anno se riusciamo a non persere nessuna stella e speriamo nella futura presidenza, con Ander a centrocampo a fianco di Javi e Susaeta, De Marcos, Muniain dietro a Llorente, con Amorebieta San Jose' a far muro Andoni sulla destra e una fiducia a Aurtenetxe sulla sinistra con Gorka tra i pali dove si puo' arrivare???...tra l'altro dietro a spingere c'e' tutta la generazione di fenomeni della cantera di Lezama, visto che i giovani leoni hanno gia' divorato titoli giovanili a raffica, possiamo solo aspettare, Borja Ekiza, Jonas Ramalho, Ruiz de Gallareta, Undabarrena, Guarrotxena, Mentxaka, Guillermo Fernandez, Aymeric Laporte, Aitor Kortabitarte, Mines, Moran, Royo, Galan, Medina, Etxanitz, Jonxa Vidal, Eguaras, Aspiazu, Jon Iru, Cerrajeria, Eraso, Uribarren, Mendiguchia, Azkuenaga, Yurrebaso, Aketxe, Jon&Asier Etxaburu, Saborit, Artabe e centinaia di altri esaltanti futuri campioni Rojiblancos ... AUPA ATHLETIC Eskerrik Asko

    RispondiElimina
  5. Ciao John, la mia paura più grande riguarda Llorente: riusciremo a tenerlo o no? Per il momento è tutto rinviato a dopo le elezioni, poi vedremo... per me comunque sarà difficile. Con Nando (tenendo tutti i migliori e aggiungendoci Herrera) la situazione si farebbe davvero interessante, specie se sulla nostra panchina capitasse un tecnico più propositivo di Caparros (al momento vicinissimo all'Atletico Madrid).
    Bello l'elenco dei giovani che hai postato, tieni presente però che di tutti i nomi da te citati in prima squadra ne arriveranno a dire tanto una decina, e di questi chissà quanti riusciranno a prendersi una maglia da titolare. Purtroppo tanti ragazzi che sembrano dei mezzi fenomeni si sgonfiano una volta arrivati al professionismo, guarda ad esempio che brutta fine ha fatto Isma Lopez, uo che sembrava destinato ad un futuro radioso...

    RispondiElimina
  6. Caro Edo, speriamo proprio nel buon Nando, ed alla fine dei conti in parte personalmente anche in Caparros, se speranze rimangono, attendiam luglio... Ne arrivassero 10 ne sarei lieto, considera che a mio avviso, da aficionado che segue il Juvenil dall Italia, questi giovani sono dei veri campioncini, possono davvero lasciare un segno ad alto livello tecnico se si crede in loro come solo la nostra gloriosa cantera ci permette di fare... Isma, a parte che vecchio ancora non é, ma era una meteora con compagni tipo Aitor Ramos e altri forse non all´altezza di alcuni dei campioncini che ora disponiamo in Juvenil e Cadete, domenica tra l´ altro si e´ gloriosamente perso in semifinale di coppa di spagna giovanile 3 a 2 sconfitti a Barcelona 3 2 vittoriosi a Lezama e 3 a 4 ai rigori per il barca, dimostrazione che la nostra cantera non ha nulla da invidiare a quello che in tutto il mondo viene osannato come uno stile di gioco tecnicissimo inculcato fin nei giovanissimi catalani, cmq speriamo e vediamo, io ci credo tantissimo, AUPA ATHLETIC in tutte le sue forme, e complimenti per l´ ottimo blog Edo, CIAO

    RispondiElimina
  7. utente anonimo7 giugno 2011 13:05

    Ottimo acquisto!!

    RispondiElimina
  8. Ciao John, anche io sono un appassionato dello Juvenil (ti consiglio il blog "La cantera de Lezama", è nellalista a destra), anche perché il nostro futuro è lì, e credo come te che la generazione attuale sia veramente ricchissima di talenti; per questo non avrei preso Herrera e avrei dato fiducia a Iturraspe, con Ruiz de Galarreta pronto al salto... Comunque per i giovani non è facile imporsi a livello pro, ad esempio con Valverde furono in moltissimi ad esordire (così a memoria ricordo Bordas, Jonan Garcia, Solabarrieta - che sembrava un fenomeno -, Azkorra, Angulo) ma solo Llorente e Iraola si sono affermati. Speriamo che tra Aurtenetxe, Ramalho, Saborit, Galarreta e Guillermo ci sia il ricamio che in certi ruoli ci serve come il pane...
    Peccato per la sconfitta ai rigori col Barça, i ragazzi erano sotto 2-1 ma nel finale avevano ribaltato tutto con una doppietta del solito Guille; comunque anche Irureta adesso vuole impostare a Lezama un lavoro simile a quello della Masia, ovvero schemi e stili di gioco uguali per tutte le giovanili. Ovviamente non sarà il 4-3-3 "olandese" dei blaugrana, ma avere una tipologia di gioco riconoscibile per tutte le formazioni del vivaio mi sembra un'ottima cosa.

    Anonimo: vero!

    RispondiElimina
  9. Ovviamente l'ho gia' visto l'articolo di lezama, il tuo blog l'ho scovato proprio cosi', brucia la sconfitta Juvenil col Barca, ma le prospettive future sono otiime, peccato per i ragazzi, sono quasi tutti miei amici su FB ed erano tutti convinti e carichi per raggiungere la finalissima, mi spiace che uno dei 2 penalty lo ha faltato Kortabitarte uno dei miei favoriti, pensa un po' che Guillermo che segna sempre e' entrato solo nel secondo tempo!!! ci rifaremo quest'estate con le elezioni e con Undabarrena ai mondiali under17 in messico e Javi e San Jose' nell'under21 europea in danimarca, prima dell'inizio della nuova stagione.... a propsito che ne pensi di una squadra cosi': Iraizoz, iraola, San Jose', Amore, Aurtenetxe(Balenziaga), Susaeta, Javi, Ander, Muniain, De Marcos, Llorente, con Borja Ekiza, Iturraspe, Urko, Ibai, Igor Martinez e i vari gia' citati giovani da lanciare, personalmente sono per gli under30, non per sminuire quello che ha dato gente come Gurpegi, Orbaiz, Gabilondo, D.Lopez, Toquero, ma personalmente penso sia l'ora di svecchiare ancor di piu' la rosa, d'altro canto cio' che conta e' sempre solo l'ATHLETIC CLUB, AUPA!!!!!

    RispondiElimina
  10. Oltre a Guille in campo solo nella ripresa non ho capito la sostituzione di Ramalho, come sempre uno dei migliori. Peccato per Kortabitarte, ma ne dicono molto bene, staremo a vedere.
    Della tua formazione non mi convince il solo De Marcos, al cui posto vorrei vedere Ibai (secondo me ha un ottimo potenziale come seconda punta) o un canterano (Etxaniz soprattutto) prima di Toquero. Qualche elemento di esperienza serve, ma farei volentieri a meno di certe cariatidi che ormai son buone solo a prendere lo stipendio (Orbaiz, Ocio) e di elementi per me inutili (Lopez, Gabilondo).
    Dato che sei, come me, un appassionato di Lezama, ti copio l'elenco degli "altas y bajas" del Bilbao Athletic. Se ne vanno Eneko Boveda, Urtzi Iturrioz, Jon Larruskain, Ivan Miñés, Jon Villanueva, Mikel Santamaria, Lander Torrealdai, Imanol Mentxaka, Javier Soberón, Julen Goñi e Iker Seguin (sono sorpreso per Boveda, che esordì in prima squadra due anni fa e prometteva, Santamaria e Mentxaka), mentre entrano Jon Ander Serantes (dal Barakaldo), Asier Goti (dal Lemona) e i due prestiti Ander Larrucea e Ander Vitoria (finalmente! E' dai tempi della sua partecipazione ai mondiali under 17 con Isma Lopez che sogno di vederlo per lo meno nella squadra B).

    RispondiElimina
  11. Ohh ottimo, sono contento che la pensi come me sulle "cariatidi", non volevo calcare troppo la mano, d'altronde sono sempre giocatori dell'Athletic, ma David Lopez soprattutto non lo sopporto, e' buono a battere solo i calci d'angolo, roba che con Nando in mezzo non e' quel gran lavoro, Ocio oramai non lo consideravo nemmeno piu', per De Marcos capisco le tue perplessita', ma l oconosci anche tu ne sono certo e sai le sue potenzialita', effettivamente inespresse, ma un po' piu' di fiducia, certo ne ha ricevuta ma non con continuita' ricordo la sua apparizione come terzino destro, ora non rammento in che match questa stagione, in mancanza di alternativa e' sempre un elemento che si e' fatto tutte le trafile giovanili delle furiette rosse, visto che Guarrotxena o De Gallareta ora non se ne parla o un altra punta per non lasciar solo davanti Llorente, figurati con Caparros poi!!!....Ramalho sarebbe l'ora di vederlo un po' di piu', Muniain spinge di continuo dicendo che e' un fenomeno, mi stupisce che sia passato davanti Ekiza, niente da dire su di lui, premiato fra le rivelazioni della Liga, forse per l'eta' era pure l'ora, ma al posto di Aitor Ocio, Ramalho a vita.....Mi mancavano notizie fresche sui tagli, ti ringrazio le stavo cercando giusto in questi giorni, stupiscono anche me alcune scelte, Mentxaka e Mines e come dici te Boveda, cavoli mi stupisce sembravano ancora promettenti anche per eta' e con Santamaria che puo' giocare sulla destra, se perdiamo Iraola siamo rovinati, non si e' ancora trovato un buon ricambio da nessuna parte, bisogna scendere fino a Unai Bustinza e ancor piu' giu' Julien Gutierrez per qualcuno decente...per curiosita' i tagliati dove vanno, non alò Baskonia, visto che gia' gente come Villanueva ci giocava da un po'??? ,,,,per concludere e scusami se mi dilungo sempre, ma ho poche occasioni di parlare con qualcuno che condivide le mie passioni bilbaine e ne sa con cognizione di causa e passione come te, Ibai l'ho visto quest'anno in precampionato a Genova in amichevole contro il Genoa(era la mia prima volta dal vivo, visto che sono di Sestri Levante-GE-, dopo tantissimi anni che sono aficionado finalmente l'ho potuto vedere) e mi ha impressionato subito, veloce e tecnico cosi' come mi e' piaciuto nelle sue poche presenze Igor Martinez, anche se manca di fisico e assomiglia molto a De Marcos, tutti elementi validi piuttosto che le cariatidi gia' citate, si vedra' dopo il 7 data chiave per il futuro Mister e vedremo cosa ne fara' del nostro Athletic, speriamo bene le basi le abbiamo e con un lavoro decente non si puo' che migliorare, cavoli se ce ne accorgiamo noi, vuoi dire che......

    RispondiElimina
  12. Ah scusa, rileggevo il tuo post...dimenticavo Vitoria, hehehe, hai ragione sono anni che dovrebbe essere in lista, ma seguendo le sue prove solo sul sito dell'Athletic, non mi pare negli ultimi anni che abbia convinto per continuita', certo che se gioca certa gente, perche' non potrbbe pure lui avere qualche chance, per gli altri Larrucea non mi convince troppo, mentre Goti secondo me non e' cosi' malaccio, vedremo....AUPA

    RispondiElimina
  13. Toglimi una curiosità John, ma tu riesci a vedere qualche partita delle giovanili e di segunda B o come me ti informi solo via web? In ogni caso, complimenti per la tua conoscenza enciclopedica di Lezama!
    David Lopez pure io non lo sopporto, pagato 6 milioni per battere i piazzati e basta... è il tipo di esterno che reputo inutile al massimo livello, non punta mai l'uomo, è lento e gioca sempre allo stesso modo. Tutt'altra cosa Susaeta, che magari a volte non è incisivo ma almeno prova sempre a creare la superiorità con i suoi dribbling. Stesso discorso per Gabilondo, altro esterno monocorde e senza fantasia (pure, quest'anno ha messo diversi gol). Ocio è un ex giocatore e non capisco il suo rinnovo, Orbaiz non corre da 3 anni eppure è sempre lì, si vede che hanno i santi in Paradiso. Capitolo De Marcos: all'inizio mi sembrò molto promettente, poi però si è un po' perso (idem Igor Martinez), anche per colpe non esclusivamente sue. Vale la pena prendere giocatori del genere da altre squadre e tarpare le ali ai nostri cachorros? Secondo me no, se si deve acquistare gente che poi finisce in tribuna tanto vale dare un'opportunità ai nostri ragazzi.
    Su Ramalho sfondi una porta aperta, quest'anno pensavo di vederlo in prima squadra ma un infortunio l'ha bloccato per gran parte della stagione; credo comunque che un posto debba essergli riservato, anche perché può giocare pure a destra come sostituto di Iraola (Unai Bustinza e Julien sono ancora troppo acerbi). I tagliati non vanno al Baskonia (che è la terza squadra, il tramite tra Juvenil e Bilbao Athletic), ma vengono lasicati liberi di trovarsi un'altra squadra... e in alcuni casi, come quello di Benat Etxeberria al Betis, trovano la loro strada per la Primera lontano da Bilbao.
    Eri a Genova? C'eravamo anche noi Leones Italianos, tra l'altro credo proprio che con la tua passione dovresti iscriverti o almeno partecipare al forum (www.leonesitalianos.net).
    Ibai mi sembra un buon giocatore, gli darei una chance.
    Ciao!

    RispondiElimina
  14. Guarda, come fai te penso, seguo il sito ufficiale dell-athletic, una volta sono riuscito a beccare per caso una partita in streaming del Bilbao Athletic, perche a marzo sono andato 2 giorni a Bilbao e ho scoperto che il digitale terrestre dei paesi baschi passa le partite su canal 9 delle squadre minori bilbaine, l´ho beccato per caso un paio di mesi fa, ma mai piu ritrovato, purtroppo... a Genova ero purtroppo con un mio amico del genoa che mi ha portato nei distinti ed ho rosicato da solo a lato dei distinti tutta la partita, ma se sei andato verso il tunnel a fine partita, quando i giocatori aspettavano le medaglie céro anche io!!! al sito dei Los Leones sono iscritto ma per pigrizia non lo guardo molto, volevo fare la tessera, ma ho notato che la 2011 non e´ nelle modalita da scegliere e´rimasto il regolamento per lánno scorso, cmq voglio tesserarmi al piu presto, dato che amo follemente questa societa e la sua storia dal 92 quando mi innamorai di Julen Guerrero e da li ho seguito l´ Athletic sempre, ma in solitudine, sono felice ora di incontrare gente preparatissima come te che condivide la mia stessa passione, per aggiungere una cosa Orbaiz e´ colui che ha praticamente interrotto la carriera del mitico Julen sarebbe davvero l´ora che mollasse, direi che il Basakonia piu´ che la terza squadra e´ anche per contratto una societa parcheggio dei giocatori piu inutili agli scopi della squadra, mentre il Bilbao un trampolino per i giovani e societa di allenamento per quelli che non giocano, come mi rode non essere andato a Lezama e Basauri quando ero su, non ho avuto tempo, alla prossima andro sicuramente, tu immagino sia gia stato alla Catedral a vedere qualche match coi leones vero----AUPA y Eskerrik asko

    RispondiElimina
  15. Ciao John, ero a Genova insieme agli altri Leones nella gradinata sud, quella della Samp, che quel giorno ospitò i tifosi dell'Athletic. A fine partita siamo scesi e Toquero ci ha tirato la maglia, che ha preso uno di noi ;) Per quanto riguarda l'iscrizione puoi chiedere informazioni al Presidente sul forum o via mail, ora a settembre riapriranno (in quel periodo c'è anche il pranzo annuale, saresti il benvenuto!).
    Su Orbaiz nulla da aggiungere, da quando ho visto il video sui retroscena dell'addio di Guerrero (mio mito assoluto insieme a pochissimi altri calciatori) per me non esiste nemmeno più.
    Il Basconia non è una società parcheggio di gente inutile, dai. Alla fine da lì passano diversi giocatori che poi arrivano anche in prima squadra, di certo i fenomeni come Muniain saltano la trafila ma è comunque una buona palestra per farsi le ossa prima del salto nel professionismo.
    Io sono stato diverse volte al San Mamés per le partite e anche a Lezama, purtroppo però non sono mai riuscito a vedere una partita delle squadre giovanili. Se la prossima volta sarai dei nostri vedremo di organizzarci io e te, alla fine non è facile trovare altri patiti della cantera!
    Un saluto.

    RispondiElimina
  16. Va beh dai, non volevo essere cosi' drastico, la baskonia e' utilissima e mi piace tanto anche come squadra, pero' devi ammettere che ogni tanto ci "buttano" letteralmente qualche giocatore e a veder cosi' da fuori, anche per la lista dei tagliati che mi hai postato, son proprio quei giocatori che arrivati intorno ai 22 senza presenze in prima squadra hanno poi i giorni contati ..... Sarei lieto di partecipare al Forum dei Leones ed anche ad iniziative come la cena, curiosita', dove ci si ritrova solitamente per farla?, ed anche ad altre iniziative. Io dalle mie parti sono un vero patito dell'Athletic, ma sono "solo" gli amici apprezzano e alle volte simpatizzano, ma non sono "veri" tifosi, é solo come succede a tanti una simpatia pe una squadra che grazie al lavoro e alle abitudini che ha non puo' che attirare le ammirazioni altrui, anche la mia ragazza non, che e' pure brsiliana e tifosa dell'International de Porto Alegre, non puo' sorbirsi tutto il mio entusiamo per la squadra, tanto da avermi regalato il biglietto per Bilbao quest'anno per liberarsi di me...credo!!!! ;-) cmq a parte gli scherzi avrei piacere, anche a trasferte con mire canteristiche, ma non solo, io alla Catedral ho fatto solo un giro, non ho visto partite, solo i giocatori finire l'allenamento prima della trasferta di Getafe di Liga BBVA di ritorno, dunque bisogna inserire anche un match della prima squadra, a presto ed Eskerrik asko anche per l'amicizia di Faccia-Libro ....PS: Scusami, per dilungarmi come al solito (te l'ho detto, non resisto a non parlare della mia passione con qualcuno che la condivide e la apprezza), Julen anche se credo sia chiaro e' sempre stato il solo e unico per me, mi sono innamorato prima di lui giocatore e poi dell'Athletic come conseguenza della sua vita, anche io dopo il video visto su youtube, ancora adesso non mi capacito di come sia possibile una cosa del genere fatta ad una bandiera come Julen e fatta passare cosi' liscia ad Orbaiz come se fatta ad un Arriaga qualunque(scherzo, so che era uno dei tuoi protetti, l'ho scelto per questo!!!), tu che conosci penso piu' intimamente i dettagli cosa ne pensi??? tra l'altro ai tempi di Arriaga, io adoravo e scommettevo su Danobeitia, mi piaceva tantissimo, un altro scomparso...sigh...speriamo di non perdere tutti questi giovinotti promettenti di Lezama...Ciao

    RispondiElimina
  17. Il Baskonia serve a quello, a provare i ragazzi in un contesto più impegnativo (la Tercera) rispetto ai campionati giovanili; tra l'altro ho letto proprio ora che alcuni tra i migliori prospetti dello Juvenil il prossimo anno giocheranno con i gialloneri (tra gli altri, il tuo pupillo Kortabitarte, Guarrotxena e Mendiguchia), mentre Ruiz de Galarreta farà direttamente il salto al Bilbao Athletic. Purtroppo nel calderone finiscono anche giocatori con poche prospettive che poi vengono inesorabilmente tagliati, ma fa parte del meccanismo del professionismo.
    Il problema di avere poche persone con cui parlare di questa nostra passione è cosa abbastanza comune, anche io non ho amici tifosi biancorossi... mi chiedono qualcosa ogni tanto perché sanno del mio tifo e hanno anche simpatia per l'Athletic, ma giustamente seguono le loro squadre. Un mio compagno di squadra di calcio a 5 è madridista sfegatato, con lui i duelli non mancano ;)
    Su Guerrero, che dire... per tanti di noi è il motivo per il quale ci siamo innamorati del club biancorosso, ogni altro commento sarebbe superfluo. Di Orbaiz meglio che non parli, potrei essere maleducato; vero è che il suo potere nello spogliatoio è notevole, vedere per credere il rinnovo per un altro anno e il numero di partite che gioca ogni stagione, enorme rispetto al suo rendimento attuale.
    Dañobeitia anche a me sembrava un gran bel prospetto (scrissi anche un pezzo su di lui ai tempi, se clicchi sulla categoria "Profili" a destra ti viene fuori), poi però venne ceduto e da allora è rimasto in Segunda. Purtroppo il reale valore dei giovani è sempre difficile da quantificare, magari uno fa una stagione al di sopra delle sue possibilità e poi non si conferma per tanti motivi, anche non strettamente tecnici (penso a Jonan, che quando venne lanciato da Valverde sembrava il nuovo Guerrero e nel giro di due anni è finito in Grecia...). Dañobeitia è uno di questi casi, Beñat Etxeberria invece si è fatto valere al Betis e la prossima stagione giocherà in Primera. 

    RispondiElimina
  18. Il tuo discorso che lo spazio in prima squadra e' limitato non fa una grinza edo, ma se non continuiamo ad inserire con continuita' giovani siamo rovinati, come hai sottolineato piu' volte l'Athletic e 'una societa' Canterista e non puo' far altro che valorizzare i suoi campioncini, spero in qualcuno tipo Bielsa che coi giovani ci sa fare!

    RispondiElimina
  19. Da questo punto di vista Caparros ha fatto abbastanza, anche se avallando alcuni acquisti incomprensibili ha un po' sonfessato la politiche, che pure aveva intrapreso, di valorizzazione del vivaio di Lezama.

    RispondiElimina