martedì 10 aprile 2012

Iñigo Cabacas Justicia!



Avrei voluto parlare di Athletic-Siviglia, raccontarvi della bellissima prestazione dei nostri e delle emozioni provate nel vedere i Leoni giocare a mille all'ora, come se la fatica di una stagione bellissima e massacrante fossero solo un ricordo. Avrei voluto condividere con voi considerazioni tattiche, analisi tecniche e pure le pagelle che non proponevo da un po', sicuro che nei commenti ci sarebbe stata una discussione animata e piacevole come accade da qualche tempo. Avrei voluto scrivere di calcio, semplicemente. Ma non lo posso fare. Non si può scrivere un post su una partita di pallone quando da ieri è ufficiale la notizia della morte di Iñigo Cabacas, 28enne tifoso biancorosso ammazzato da un proiettile di plastica (vietato dalla UE, tanto per essere chiari) sparato ad altezza uomo dalla Ertzaintza, la polizia basca. Una pallottola che teoricamente non dovrebbe essere letale, ma che può diventarlo quando colpisce da meno di 20 metri le ossa di un cranio umano, troppo fragili per reggere a determinati impatti. Ciò che è successo nel dopopartita di Athletic-Schalke è ancora nebuloso: c'è chi parla di una rissa (non tra opposte tifoserie, questo è un dato certo), chi dice che non stava succedendo niente, chi (le fonti ufficiali) dipinge scenari di guerriglia prima dell'intervento della polizia. L'unica cosa sicura è che Iñigo è morto, ucciso da chi sarebbe pagato per proteggere i cittadini. Morto ammazzato come un criminale, mentre stava bevendo una birra con gli amici fuori da un bar. Un rituale classico a Bilbao, e ho i brividi mentre lo scrivo perché anch'io l'ho seguito tante volte. Possibile che l'Ertzaintza sia intervenuta in forze solo per sedare una rissa? Mi sembra strano, tutta questa storia puzza maledettamente. E arriva come tragica chiusura di una scia di ferimenti causati dai proiettili di gomma iniziata nel giorno dello sciopero generale, il 29 marzo.
Tanti dubbi, una sola certezza: Iñigo non c'è più. Goian bego txabal!


12 commenti:

  1. un episodio sconcertante e vergognoso. un abbraccio a questo ragazzo innocente, che sento ancora più vicino per la maglietta viola che indossa nella foto. riposa in pace

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea, stiamo cercando di aprire dei canali con i tifosi della Fiorentina per capire se sanno qualcosa della vicenda, se conoscevano Iñigo e se fosse possibile concordare uno striscione... Potresti aiutarci?

      Elimina
  2. quella piazzetta (chiusa ai 3 lati!) del herriko taberna varie volte è stata oggetto di sgradite visite dell'ertzaintza,come spesso avviene nei macth casalinghi si riempie di centinia di giovani, in quella tragica serata è bastato un alterco tra due ragazzi x scatenare quella brutale carica della polizia con numerose pallottole di gomma sparate ad altezza d'uomo.non ho parole x descrivere la bestialità di certe azioni che purtroppo son frequenti in euskadi e vergognosamente imnpunite.spiace sottolineare lo scarso 'coinvolgimento' dell'athletic, di certo non bastano due righe di cordoglio,iniziative concrete di solidarietà è il minimo che ci si possa aspettare.
    paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo io continuo a non capire il perché di quella mobilitazione in forze per sedare una rissa... Poi una cosa vergognosa è il senso dell'impunità dell'Ertzaintza derivato direttamente dagli anni del terrorismo, devono capire che non possono più farla franca quando ammazzano qualcuno nelle strade di Euskal Herria.
      Riguardo alla società ci andrei cauto, sappiamo dove guarda (politicamente) l'attuale Giunta ma è chiaro che Urrutia e gli altri dirigenti non possono mettersi contro polizia e governo basco. Intanto ci sono stati il comunicato, le condoglianze ai familiari e la presenza di alcuni membri alla manifestazione in ricordo di Iñigo, inoltre stasera la squadra giocherà con la maglia nera (non un caso). Aupa!

      Elimina
  3. ciao edo,
    purtroppo non posso aiutarti. per motivi di salute starò a casa per molti giorni e non ho contatti personali con chi gestisce la curva fiesole.
    posso abbozzare l'ipotesi abbastanza plausibile che questo ragazzo (come molti ragazzi spagnoli e baschi) abbia fatto l'erasmus a firenze e che abbia frequentato lo stadio in quel periodo. soprattutto negli ultimi anni molti studenti stranieri vengono in fiesole che non è più completamente riservata agli abbonati.
    ti posso dire un'altra cosa: spesso in curva fiesole (generalmente nella parte bassa) si vedono 1/2 bandiere basche. purtroppo non potrò mai essere allo stadio da qui a fine stagione causa operazione, altrimenti avrei potuto sentire; magari, se conosci qualcuno che frequenta la curva puoi chiedergli di parlare con il ragazzo.
    mi dispiace davvero molto di non poter fare più di questo.
    vorrei aggungere una cosa: il silenzio dei media italiani è vergognoso. ho sentito perlare della cosa solo su radio sportiva e forse un minimo accenno a mediaset...censura?
    ciao a presto e scusa ancora per il poco aiuto.
    andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo Andrea, siamo riusciti lo stesso a contattare chi di dovere e ieri a Firenze (così come a Roma e Genova) c'era uno striscione per Iñigo. Ti segnalo un bell'articolo uscito su Senza Soste: http://www.senzasoste.it/speciali/le-pallottole-della-polizia-speciale-basca-a-720-km-allora. Un saluto.

      Elimina
  4. Carissimi amici, vi chiedete come mai nè la stampa spagnola nè l'athletic abbia dato il giusto risalto alla morte di questo povero ragazzo. Purtroppo a Bilbao in questi giorni di esaltazione popolare per le gesta dell'athletic, non si parla d'altro che di come far uscire la "Gabarra". E poi il popolo dell'athletic è convinto che a Bilbao non sia possibile morire per una partita di calcio e che questi fatti di violenza legati ad una partita lì non possano succedere. Purtroppo non è così.... Episodi di questo tipo quando c'è di mezzo l'Ertzaintza, anche a Bilbao possono accadere. Ad esempio quando ci sono manifestazioni, mi hanno insegnato di tenermi alla larga dal corteo, in quanto tutto è giustificato per l'Ertzaintza....
    Mi spiace tanto per il ragazzo sicuramente trovatosi nel posto sbagliato nel momento sbagliato.
    Sono contento di aver trovato in rete un blog sull'athletic. Vi seguirò con entusiasmo. Un saluto. Aupa Athletic

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, il discorso dei media italiani è che sono indecenti, figuriamoci se c'era da aspettarsi un minimo di copertura su questa vicenda... Euskal Herria e tutto quanto di brutto vi succede sono semplicemente ignorati da giornali e tv italioti.
      Ci leggiamo presto allora, un saluto!

      Elimina
  5. La foto dello striscione in Curva Fiesole nella partita contro il Palermo

    http://www.fiorentinanews.com/2012/04/e-in-fiesole-spunta-lo-striscione-in-basco-il-perche-di-questa-scelta-foto/

    RispondiElimina
  6. Striscione anche ieri a Marassi esposto nella Gradinata Sud...se riesco ti trovo la foto
    Pier

    RispondiElimina
  7. Ieri moltissimi altri attestati di tifosi di ogni colore (politico) per Iñigo, solo per citarne alcuni Schalke 04, Rayo Vallecano, Standard Liegi...
    in tutto questo clima di comprensione, si segnala un idiota dell'Espanyol, che ha strappato lo striscione esposto dai suoi stessi tifosi: complimentoni al cretino.

    RispondiElimina