martedì 29 giugno 2010

Il pagellone 2009/2010: gli attaccanti.


Llorente anche quest'anno è stato il miglior attaccante della squadra (foto Athletic-club.net).

Llorente 8:
dato che molti tifosi lo criticano (addirittura ho sentito cose del tipo "senza di lui faremmo bene lo stesso, o forse meglio") voglio snocciolare i numeri, che solitamente non mentono. 23 gol stagionali, 14 in 37 partite di Liga, uno in Coppa del Re e addirittura 8 in 11 partite di UEFA: si può ancora sostenere, davanti a evidenze del genere, che Nando non sia fondamentale per l'Athletic? Tutto ciò senza dimenticare che il non-gioco espresso dalla squadra lo penalizza infinitamente, lui che nonostante il fisico imponente è un centravanti di manovra abile più con i piedi che di testa. Llorente potrebbe essere ancor più letale se innescato palla a terra, e invece è costretto a giocare praticamente sempre spalle alla porta, a fare a sportellate con i difensori avversari ed a tentare di far salire i compagni o di spizzare per le corse di Toquero (sic!). Che abbia fatto una grande stagione lo testimonia la convocazione per i Mondiali sudafricani, ma sono sicuro che pure l'anno prossimo avrà molti detrattori. Faccia orecchie da mercante, l'Athletic ha bisogno di lui.

Muniain 7: la più grande rivelazione della stagione biancorossa, nonché una delle maggiori sorprese dell'intera temporada di Liga. Delle qualità e delle caratteristiche tecniche di "Bart Simpson" ho già parlato diffusamente in questo post, dunque vorrei soffermarmi soprattutto sulla sua grande personalità, che gli ha permesso di affacciarsi alla ribalta più importante con una naturalezza incredibile. Sfrontato, mai intimorito e spesso capace di entrare subito nel match, Muniain è stato l'arma in più dell'Athletic in molte partite e ha realizzato sei gol complessivi nonostante l'impiego quasi esclusivo sulla fascia sinistra (per me sarebbe da provare come seconda punta, ma tant'è). A metà stagione ha avuto una flessione fisiologica vista l'età, poi nel finale si è ripreso e ha salutato tutti con uno splendido gol all'ultima giornata contro il Depor. Giocherà l'Europeo under 19 in estate, giusto premio per una bellissima stagione d'esordio.

De Marcos 6,5: altro giovane di grande qualità, è partito fortissimo impressionando tutti nella prima parte dell'anno. Gol e ottima prestazione contro il Barcellona in Supercoppa, gol decisivo col Tromsoe in UEFA: un grande inizio, insomma, frenato purtroppo dalla difficoltà di Caparros nel trovargli una collocazione stabile in campo e da una certa difficoltà di adattamento alla Primera che è sembrata più psicologica che tecnica. Ragazzi come lui hanno bisogno di certezze, sia tattiche che di impiego, ma Oscar si è trovato un po' troppo sballottato tra la fascia e l'attacco come seconda punta, lui che di ruolo è trequartista puro, e infine ha pagato le panchine di metà stagione, faticando a ritrovare brillantezza quando è stato nuovamente chiamato in causa. Resta comunque un ottimo prospetto su cui puntare nelle prossime stagioni, magari dopo avergli trovato una collocazione stabile nella formazione base.

Toquero 6+:
merita la sufficienza per gli otto gol realizzati, pochini per un attaccante che gioca titolare ma un'infinità tenendo conto delle sue caratteristiche. Gaizka resta in ogni caso un giocatore a parer mio non adatto alla Primera, con limiti tecnici e tattici precisi che lo rendono estremamente "leggibile" per le difese altrui; è generoso, certo, tuttavia potrebbe risparmiarsi gran parte delle sue corse a perdifiato verso il portiere o i difensori più lontani, corse che mai una volta ho visto indurre gli avversari all'errore. Se un attaccante così è riuscito a segnare 8 reti deve comunque avere un'indubbia forza mentale e una capacità di concentrazione che lo porta a sfruttare al meglio i pochi punti di forza del suo gioco: il colpo di testa, la capacità di inserirsi con prontezza sulle spizzate di Llorente, la combattività. Sicuramente Caparros lo proporrà tra i titolari anche l'anno prossimo, per me invece sarebbe come minimo la seconda riserva del reparto offensivo.

Diaz de Cerio, Etxeberria, Ion Velez s.v.

8 commenti:

  1. utente anonimo30 giugno 2010 12:42

    Llorente ieri ha confermato di essere un grande attaccante...da quando è entrato in campo ha fatto vedere tutto il suo repertorio sfiorando il gol in diverse occasioni..forse ora tutti i suoi screditori si ricrederanno...lui ieri ha cambiato la partita per la Spagna, xke il fantasma col numero 9 non azzecca nulla e non sarebbe un eresia vedere Nando titolare col Paraguay per contrastare la fisicità dei difensori della nazionale sudamericana...magari condire la prestazione con un gol basco al mondiale!!!SalutiGab Sardegna...

    RispondiElimina
  2. utente anonimo30 giugno 2010 13:11

    d'accordissimo era da tre partite che dicevo che la Spagna aveva bisogno di una punta centrale come Nando e non Torres che Del Bosque fa inspiegabilmente giocare sulla fascia.....anch'io lo vedrei assolutamente titolarepanner39

    RispondiElimina
  3. utente anonimo30 giugno 2010 18:33

    Grande Nando ! Ma troppe luci, troppo parlare attirano le attenzioni delle grandi d'europa...!!! Non vorrei che ce lo portassero via... :(

    Vanni

    RispondiElimina
  4. Gab e Panner: Torres è un grande attaccante e per me merita di essere titolare (ieri non l'ho visto malissimo, fa buoni movimenti ma gli manca il gol che lo sblocchi), tuttavia Llorente è entrato subito in partita e ha giocato molto bene. Io non sono appassionato di Spagna (eufemismo), dunque di quello che fanno i nostri con la maglia della Roja mi importa molto poco...ieri comunque sono stato felice per Nando, poi dopo due minuti sono tornato a tifare contro le Furie rosse.Vanni: non sono molto preoccupato in tal senso, Llorente costa e solo un club con grande disponibilità di soldi potrebbe prenderlo, ma a quei livelli non è certo lui la prima scelta per squadre del genere. Poi magari sarò smentito e allora saranno affari nostri, perché Nando è uno dei pochissimi insostituibili (forse l'unico) della nostra rosa per le caratteristiche che ha.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo30 giugno 2010 20:01

    grande Edo..ovviamente anche io tifavo Portogallo ma la squadra lusitana è veramente poca cosa..ammetto che la Spagna è fortissima ma mi innervosiscono le squadre che una volta segnato addormentano la partita, riconosco però che è un grande pregio..!!!a quando la naz Basca??? non si sente più nulla in merito...Nando rimarrà tranquilli...!ùgab sardegna...

    RispondiElimina
  6. Portogallo deludentissimo: con una rosa del genere non si può giocare così da cani. Per me la causa di ciò è Queiroz, un tecnico a parer mio sopravvalutatissimo, che mai ha fatto bene da primo allenatore.La nazionale basca è un sogno che difficilmente diverrà realtà, anzi credo che sarà quasi impossibile vedere mai riconosciuta in maniera ufficiale la selezione di Euskal Herria (è una questione politica più che sportiva, questo è chiaro).

    RispondiElimina
  7. utente anonimo10 luglio 2010 20:39

    Edo, il tuo giudizio a Toquero mi pare sinceramente eccessivo: con le difese che ci sono nella Liga 8 gol in campionato li facevo pure io. Gaizka ha due ferri da stiro al posto dei piedi, e non capisco perchè Caparros non abbia impiegato di più Muniain o De Cerio (giocatore tra i miei preferiti in assoluto, fin da quando ha iniziato ad esprimersi nella Real Sociedad). Per tutti gli altri giudizi sono d'accordo con te. Permettimi un piccolo appunto: secondo me le potenzialità di Iraizoz sono altissime, e lo aveva dimostrato nell'Espanyol. Purtroppo sembra che nell'Athletic ci sia qualcosa che gli impedisce di esprimersi al meglio. Forza Gorka, sappiamo che ce la puoi fare!!!Mi sarebbe piaciuto che nella sua ultima stagione Joseba Etxeberria giocasse un po' di più...by FRAPALIN

    RispondiElimina
  8. Frapalin, non sono mai stato tenero con Toquero, che reputo un attaccante al massimo da Segunda, però i suoi gol li ha segnati e per me ha fatto anche troppo in rapporto alle sue caratteristiche tecniche alquanto limitate. De Cerio mi è sempre piaciuto ma Caparros non lo vede in coppia con Llorente, e forse non ha tutti i torti in quanto l'ex errealista è una prima punta, anche se per le sue qualità di rapinatore d'area forse potrebbe integrarsi con Nando qualora quest'ultimo girasse più lontano dalla porta.Non credo che Iraizoz sia un grandissimo portiere, già nell'Espanyol era riserva di Kameni; è un numero 1 discreto e poco più, per me se crescono Raul e Aitor Fernandez finirà a breve in panchina.Etxeberria non ne aveva più, difficilmente avrebbe potuto giocare un numero maggiore di partite.Ciao!

    RispondiElimina