giovedì 2 agosto 2012

Si parte!


Bielsa e la squadra nell'allenamento di ieri (foto Athletic-club.net).

Sembrano passati pochi giorni dalla finale persa con il Barcellona in Copa del Rey, e invece la stagione 2012/2013 è già qui. La temporada dell'Athletic inizierà infatti stasera alle 21 con la partita di andata del terzo turno dei preliminari di UEFA; avversario l'NK Slaven Belupo di Koprivnica, formazione croata attualmente al comando del proprio campionato dopo due giornate.
Non ho seguito sul blog il precampionato dei Leoni, tranne un flash sulla prima amichevole, sia per motivi di tempo sia perché ho ritenuto poco indicative amichevoli di luglio giocate senza mezza squadra titolare. I biancorossi non hanno incantato, hanno perso quasi sempre incassando diversi gol e segnandone pochi, ma alla fine ciò che resta è solamente il bollettino dell'infermeria: ad Amorebieta, operato a causa della pubalgia e fuori da tempo, si sono aggiunti nella lista degli indisponibili anche Aduriz e Aurtenetxe, due assenze non di poco conto in vista dell'impegno di stasera. In particolare pesa molto lo stop di Aritz, che avrebbe dovuto sostituire un Llorente in ritardo di preprazione e che invece sarà fuori almeno fino al ritorno con lo Slaven.
In vista della partita di oggi, Marcelo Bielsa sarà giocoforza costretto a inventarsi un undici del tutto inedito, visto che, oltre agli infortunati, non potrà contare neppure sugli "olimpici" Muniain, Javi Martinez ed Herrera, senza contare David Lopez, Ustaritz e Cerrajeria che sono stati esclusi dalla lista europea. Detto che in porta andrà Iraizoz, la difesa sarà più che inedita: Iraola a destra, e fin qui nessuna sorpresa, Iñigo Perez a sinistra (esperimento che suscitò più di un dubbio la scorsa stagione) e soprattutto una coppia centrale formata da capitan Gurpegi e Jonas Ramalho, fresco campione europeo under 19 che sembra aver convinto l'argentino grazie alle buone prestazioni nel precampionato. Il triangolo di centrocampo, tipico per due terzi (Iturraspe e De Marcos), dovrebbe avere in Ruiz de Galarreta il vertice avanzato, e se così fosse sarebbe la prima presenza da titolare per la giovanissima speranza di Lezama. Nebulose le indicazioni per l'attacco: il Loco ha detto chiaramente che Llorente, in ritardo di forma, non giocherà, ma visto che Toquero continua a non convincere come prima punta potrebbe inventarsi una mossa delle sue... magari Susaeta al centro di un tridente con Ibai, Isma Lopez o Igor Martinez, che sembra piacere molto al tecnico argentino. L'importante sarà cominciare bene, evitando di metterla sul piano fisico (i croati sono chiaramente avanti nella preparazione) e cercando di non subire gol visto che si gioca al San Mamés; la storia recente insegna che non bisogna sottovalutare nessuno, ma siamo chiaramente favoriti e dovremo dimostrarlo sul campo. Si comincia, buona stagione a tutti!

4 commenti:

  1. Peccato per il buco in difesa adesso dovremmo soffrire un pò al ritorno.Ho sentito dei fischi a Llorente ne sai qualcosa?Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco, della questione dei fischi ho parlato nel post sulla partita. Llorente è stato fischiato un po' per la nazionale, ma soprattutto per il mancato rinnovo... e devo dire che questi fischi al momento li merita.

      Elimina
    2. Nazionale?Intendi che sente più la spagnola che la basca?

      Elimina
    3. Sì, Llorente non ha mai nascosto di essere un sostenitore della nazionale spagnola. Diciamo che alcuni settori della tifoseria non ne sono contenti e quando c'è polemica ritirano fuori la cosa.

      Elimina